News

>> News 23/09/2005 Sul sito IARA http://www.iaragroup.org nella sezione Sole http://www.iaragroup.org/sole/index.htm sono in linea i bollettini radio (in formato Word e PDF) a partire da Gennaio 2005.
Sono direttamente accessibili alla pagina http://www.iaragroup.org/sole/IARA1_sole_Dati.htm
>> News 18/09/2005
La SdR Radio Astronomia UAI

in collaborazione con:
UAI - Unione Astrofili Italiani
IARA - Italian Amateur Radio Astronomy Group
IRA - Istituto di Radio Astronomia, INAF
organizza il
1° Meeting di Radio Astronomia Amatoriale SdR Radio Astronomia UAI


Programma
PDF Locandina Comunicati Registrati Hotels

>> News 08/07/2005

Summer School di RadioAstronomia a Castel San Pietro

Castel San Pietro Terme nei giorni dal 6 al 10 dello scorso giugno ha ospitato la seconda edizione di una Summer School in Radioastronomia dal titolo "Spectrum Management for Radioastronomy".

UAI AstroNews
http://www.uai.it/index.php?tipo=A&id=916

>> News 07/04/2005
TecnoAcqui: Mostra dell’Elettronica, materiale radioamatoriale e astronomia
Sabato e domenica 9-10 Aprile 2005, Ore 9-18, Acqui Terme, Ex Kaimano. Telescopi, orologi solari e mostre fotografiche astronomiche.

Conferenze gratuite
: I Colori del Cielo; Esperienze didattiche con il Liceo Scientifico Vercelli di Asti; La ricerca della vita nello spazio. Lo stato della ricerca SETI a livello mondiale e soprattutto Italiano; La ricerca della vita nel sistema solare. Gli ultimi risultati delle ricerche su Titano.

Clicca per saperne di più (programma, come arrivare, contatti)

Link ufficiale: http://www.tecnoacqui.it/
>> News 04/02/2005
SETI: due chiacchiere con Seth Shostak
Il senior astronomer del programma di ricerca di segnali radio di origine extraterrestre risponde alle domande dei partecipanti a un recente forum online
.

http://www.uai.it/index.php?tipo=A&id=710
>> News 03/02/2005

SdR RadioAstronomia UAI su Televideo RAI
da oggi 3 Febbraio (per un breve periodo) la Sezione RadioAstronomia UAI è su TeleVideo RAI alla pagina 575 ! L'iniziativa, già attivata da alcune settimane, prevede la pubblicazione alla pagina 575 di Televideo RAI di alcune utili informazioni sulle Sezioni di Ricerca UAI.

Ecco il link:
http://www.televideo.rai.it/nazionale/homenaz.asp?tlv=575_01

>> News 23/01/2005
Il 1° Censimento Nazionale di RadioAstronomia Amatoriale ha avuto inizio il 30 Ottobre 2004 durante il 2° Convegno Nazionale di RadioAstronomia Amatoriale di Trento. Il Censimento si articolerà nei prossimi mesi in varie fasce riguardanti i diversi aspetti della radioastronomia amatoriale e verrà curato in collaborazione con le diverse Sezioni IARA.
Il primo "step" è quello che vi stiamo presentando adesso: il Questionario generico che può essere adesso COMPILATO ON-LINE, oppure può essere scaricato, compilato ed inviato all'indirizzo: radioastronomia@uai.it
>> News 18/01/2005

6° SIMPOSIO MONDIALE
SULLA ESPLORAZIONE DELLO SPAZIO
E LA VITA NEL COSMO

sul tema "Noi e il SETI"

L'impatto scientifico, politico e sociale della ricerca Seti.
La ricerca Seti nella percezione dell'opinione pubblica internazionale.

San Marino 11 e 12 marzo 2005,
presso il Teatro Turismo

Presto su queste pagine potrete trovare il programma dettagliato delle due giornate.

>> News 11/01/2005

The new and improved SETI
"SETI feels the need for speed
"

By Seth Shostak
http://www.seti.org/site/pp.asp?c=ktJ2J9MMIsE&b=178025

"So what's new with SETI (Search for ExtraTerrestrial Intelligence)?"
It's an easy question: a query that the media frequently pose, and for obvious reasons. It would be nice to say, "well, we detected three Type II civilizations last week, but they weren't especially interesting," and sometimes I do this for effect.

But of course it's not true, and until it is, some people assume that there's nothing new with SETI. Wrong.

Fonte: CNN.com
http://www.cnn.com/2004/TECH/space/12/31/seti/index.html

>> News 11/01/2005

Noi siamo tutti orecchi: in ascolto di ET
L'Istituto di SETI prevede che scopriremo una trasmissione di extraterrestre fra venti anni.
(fonte University Of California, Berkeley )

We're All Ears: Listening For ET
The SETI Institute predicts that we'll detect an extraterrestrial transmission within twenty years. If that turns out to be true, it'll probably be the folks at UC Berkeley's Hat Creek radio observatory who will have heard the call. Right now, the Allen Telescope Array of more than three-hundred dishes is under construction at Hat Creek five hours north of San Francisco. Within a year, the first thirty dishes will be operational, forming the basis of a giant ear that listens for intelligent beings in space while simultaneously gathering data for groundbreaking astronomy research.

Fonte: Science Daily
http://www.sciencedaily.com/releases/2005/01/050104104855.htm

>> News 19/12/2004
Comunicato stampa di “EXPLORA-LA TV DELLE SCIENZE” di lunedi' 20 dicembre 2004
Lunedi' 20 dicembre dalle ore 10.30 alle 12.30 sul canale satellitare in chiaro RAIEDU 2, con 5 repliche quotidiane, andrà in onda Explora-La Tv Delle Scienze, la trasmissione di informazione e attualità scientifica di Aldo Bruno, Luciano Onder e Marco Salvatore, a cura di Cinzia Di Cianni, prodotta da RAI EDUCATIONAL e realizzata in collaborazione con MIUR e CNR.
Nella puntata n° 31 “SETI” (2 h.) si parlera’ anche di:
DIBATTITO: "SETI"
Esiste altra vita intelligente nello spazio? Per scoprirlo ricercatori di tutto il mondo cercano di captare segnali eventualmente emessi da altre civilta' e giunti fino a noi. E' il progetto internazionale SETI, che in Italia utilizza i radiotelescopi di Medicina (BO) e si avvale della collaborazione volontaria di una rete di pc e di elaboratori. Luciano Onder ne parla in studio con i suoi ospiti: Stelio Montebugnoli dell'INAF, che e' considerato il padre del progetto SETI Italia; Claudio Maccone, dell'Accademia Internazionale di Astronautica; Cristiano Cosmovici, dirigente di ricerca dell'INAF ed esperto di Bioastronomia e Giorgio Rivieccio, direttore del mensile Newton.
RAI EDU 2 è il canale satellitare in chiaro di RAI EDUCATIONAL dedicato al mondo della cultura in tutte le sue declinazioni e forme. I programmi di RAIEDU 2 sono consultabili a pagina 519 di Televideo.
EXPLORA va in onda attualmente anche su RAITRE, ogni mercoledì alle ore 00.40.

Fonte: Sito Web SETI Italia "G.Cocconi"
http://www.geocities.com/priapus_dionysos/Explora.html

>> News 09/12/2004

Ci hanno chiamato?
La verità sul misterioso segnale extraterrestre.
Giovedì 28 ottobre 2004, presso il Planetario di Milano Ulrico Hoepli, Luigi Bignami (giornalista scientifico) parla del segnale radio che ha fatto discutere tutto il mondo, indicato come possibile segnale extraterrestre.

Fonte: Space Freedom
Link: http://www.margheritacampaniolo.it/esobiologia/bignami_seti.htm
[Link audio mp3] [Link mirror audio mp3]

>> News 01/12/2004

Una scoperta dei fisici cagliaritani rinnova la speranza di rivelare onde gravitazionali.
Una notevole scoperta nel campo dell’Astrofisica va in stampa il 4 Dicembre sulla prestigiosa rivista scientifica Nature. La scoperta di un peculiare "sistema binario", effettuata con il radiotelescopio australiano di Parkes, dimostra che l’emissione esplosiva di onde gravitazionali dovuta alla fusione di “stelle di neutroni” ha luogo molto più spesso di quanto si fosse ritenuto in passato. Quindi i rivelatori di onde gravitazionali disponibili oggi sul pianeta dovrebbero registrare il primo evento fra pochi anni. Alla guida del team che ha ottenuto il risultato, composto da scienziati italiani, australiani, inglesi e americani, vi sono gli scienziati della Facoltà di Scienze dell’Università di Cagliari e dell’Osservatorio Astronomico di Capoterra. La rivista Nature dedica all'argomento un autorevole editoriale nella rubrica “News and Views” ed un richiamo fra i titoli di copertina. Con questa scoperta i ricercatori italiani si candidano per una verifica accurata di fondamentali leggi della Fisica. Osservazioni del sistema binario scoperto a Parkes, protratte nel tempo, permetteranno di porre in evidenza effetti relativistici la cui osservazione era finora impossibile. Cresce quindi nella comunità scientifica l'aspettativa per il grande radiotelescopio sardo SRT in costruzione a Pranu Sanguni.
http://www.ca.astro.it/press/

>> News 20/11/2004
Physicist Robert Bacher Dies at 99 Nov 20, 2004
Bacher helped initiate the creation of the Owens Valley Radio Observatory, which is one of the leading radio astronomy facilities in the world. He served as president of the American Physical Society in 1964 and president of the International Union of Pure and Applied Physics from 1969 to 1972. (Newsday -- Nation)
http://www.newsday.com/news/nationworld/nation/wire/sns-ap-obit-bacher,0,167192.story?coll=sns-ap-nation-headlines
Fonte : SurfWax Astronomy News
>> News 9/11/2004
Astronomers using the National Radio Astronomy Observatory's Very Large Array have discovered a distant galaxy that's less than a billion years old, but seems to have a supermassive black hole - but no massive bulge of stars ... "We found a large amount of gas in this young galaxy, and, when we add the mass of this gas to that of the black hole, they add up to nearly the total mass of the entire system. The dynamics of the galaxy imply that there isn't much mass left to make up the size of... (Universe Today)
Image credit: NRAO

Fonte : SurfWax Astronomy News
>> News 7/11/2004

ASTROFILI DI STANFORD SALVANO IL RADIOTELESCOPIO BRACEWELL Le cinque antenne da 20 m. saranno utilizzate per ricerche e didattica. Altre 32 antenne più piccole erano già state smantellate in passato
http://www.uai.it/index.php?tipo=A&id=542

>> News 7/11/2004

Si e' svolto il 30 ed il 31 Ottobre 2004 a Trento il II Congresso di radioastronomia amatoriale al quale hanno partecipato astrofili radioastrofili e appassionati del seti provenienti da tutta italia.
Il Convegno, articolatosi in 15 conferenze, e' riuscito ad inserire in un contenitore unico esperienze amatoriali e professionali della radioastronomia italiana (e internazionale). Un ottimo esempio da seguire anche per le future manifestazioni.
La buona riuscita della manifestazione è stata legata anche all'ottima organizzazione da parte del GRRAT (http://grrat.cjb.net/) che ha saputo articolare al meglio le due giornate con uno sforzo non indifferente. L'aula
magna del Museo Tridentino di Scienze Naturali è stata per buona parte riempita dai numerosi intervenuti. Astrofili, radioastrofili, appassionati del SETI e della ricerca radioastronomica si sono incontrati durante queste due giornate ricche di interventi di ottima qualità. Presenti tra i relatori anche il Direttore dell'Istituto di RadioAstronomia di Medicina (http://www.ira.cnr.it/) l'Ing. Stelio Montebugnoli, il Dr. Claudio Maccone
dell'Alenia Spazio di Torino e membro del SETI Committee dell'International Academy of Astronautics e l'Ing.Flavio Falcinelli fondatore di RadioAstroLab (www.radioastrolab.it).
Si è discusso anche delle prospettive della RadioAstronomia Amatoriale
Italiana, di IARA e della nuova Sezione di RadioAstronomia UAI. La "nuova IARA" è stata presentata da Salvatore Pluchino agli intervenuti; a breve potrete leggere sul sito IARA le novità nel dettaglio che riguardano IARA e le sue nuove Sezioni di ricerca e divulgazione.
I due punti di forza del convegno sono stati senza dubbio :
1) Rli (Radiometro lunare italiano): il progetto e' di inviare, durante la prima missione lunare "privata" dal nome Trailblazer uno strumento che dovra', con accurate misure, calcolare la dimensione del cosidetto "quiet cone", una zona di "silenzio lunare" da sfruttare per l'installazione di un radiotelescopio sulla faccia nascosta del nostro satellite naturale.
2) Radioastrolab : e' lo sviluppo di alcuni "tools" hardware e software (RAL10 MICROWAVE RADIOMETER con software RADIOmetrica) per lo studio della radioastronomia amatoriale da parte dei radioastrofili . Un modo intelligente per avvicinare sempre piu' persone alla ricerca scientifica e rigorosa. (http://www.radioastrolab.it) Vi aspettiamo con impazienza fra due anni al 3o convegno di radioastronomia amatoriale :-)
A presto

 



Sezione di Ricerca RadioAstronomia UAI 2004
Responsabile di Sezione: Salvatore Pluchino